Le piante in camera da letto fanno male?Alcune no!Prevengono l’insonnia e purificano l’aria.Ecco quali

piante-in-camera-da-letto

Si sente spesso dire che tenere piante in camera da letto è nocivo per la salute perchè consumano ossigeno e rilasciano anidride carbonica,ma non è proprio così.

E’ vero che le piante di notte consumano ossigeno e producono anidride carbonica, la quantità di ossigeno consumata da una pianta in camera da letto è assolutamente trascurabile, come anche quella di anidride carbonica emessa. Ovviamente il discorso cambia quando si hanno troppe piante nel luogo dove si dorme.

Al contrario di ciò che si dice, le piante svolgono importanti funzioni, come ridurre i livelli di stress nell’individuo, regolare il livello di umidità della stanza in cui dormiamo e rimuovere le sostanze nocive presenti nell’aria. Una o più piante possono dunque rendere l’ambiente in cui dormiamo più bello, intimo, rilassante e anche sano, in quanto rendono l’aria più pulita. Tuttavia essere in grado di scegliere la giusta pianta da tenere in casa, è molto importante perché questo può avere un grande impatto sulla qualità della tua vita.

Ci sono infatti alcune piante, che al contrario di molte altre rilasciano ossigeno anche di notte col buio, ed è proprio l’aumento della fornitura di ossigeno durante la notte che aiuta a contrastare l’insonnia e migliorare la qualità complessiva del sonno.

Una di queste è l’ Aloe Vera,  in quanto emette ossigeno di notte e purifica l’aria da  formaldeide,  xilene toluene e  ammoniaca.  La sua presenza in casa elimina sostanze chimiche nocive dai prodotti per la pulizia che contaminano l’aria. Inoltre essa rappresenta un vero e proprio indicatore della qualità dell’ aria  presente nella nostra casa: quando queste sostanze chimiche hanno inquinato l’aria in misura elevata, si possono notare macchie marroni sulle foglie della pianta, e questo è un segno che si dovrebbe immediatamente purificarla.

Altre piante in grado di emettere ossigeno anche di notte e di purificare l’aria da formaldeide,  xilene toluene e  ammoniaca sono: L’ Orchidea Phalenopsis, la Begonia, il Ciclamino e la Sanseveria.
Quest’ ultima addirittura è soprannominata la “pianta della camera da letto” perchè è in grado di emettere ossigeno in maggior quantità rispetto ad altre piante (da tenere conto delle dimensioni) e di combattere l’elettrosmog.

Il Gelsomino invece, oltre ad avere proprietà purificanti sopra riportate, si è dimostrato essere efficace nel migliorare la qualità del sonno. Il merito va all’odore che questa pianta emana, che può aiutare a ridurre l’ansia e lo stress.

La prima classificata in materia di depurazione dell’ aria è l’Edera, in quanto è estremamente efficace nel filtrare l’aria, in quanto assorbe le più grandi quantità di formaldeide. Per questo motivo, può essere particolarmente utile per coloro che soffrono di problemi d’asma o di respirazione durante la notte.
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook


Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.
(Visitato 1.560 volte, 1 visite oggi)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
loading...
loading...

Aggiungi un commento con il tuo profilo Facebook,Google+ o anonimo

Loading Facebook Comments ...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *