L’Oms informa: i 5 segnali che indicano Infarto un mese prima che accada. Scoprilo con un TEST

Infarto

Anche l’ Oms avverte: fate molta attenzione a questi 5 segnali. Ecco come capire un infarto un mese prima che accada! Ascolta il tuo corpo.LEGGI E DIFFONDI

Ci sono individui i quali presentano una particolare predisposizione all’infarto. Questa non è immaginazione bensì realtà e a confermarlo è la scienza.
L’infarto rappresenta la prima causa di morte al giorno d’ oggi. Il modo migliore per limitare i danni e dunque anche le morti legate a tale patologia e proprio la prevenzione, risulta quindi fondamentale individuare ogni più piccolo segnale affinché si possa attuare la terapia più idonea per ogni paziente. E la tempestività è alla base di ogni cosa.

La ricerca e lo studio meticoloso portato avanti per anni e anni ha generato un valido aiuto per capire molto più di quanto si ipotizzi. L’innovazione in questione prende il nome di Loxin-test. E’ un prodotto davvero innovativo che rappresenta un deciso passo in avanti per quanto riguarda questa malattia.  Tale esame diagnostico, permette una valutazione del rischio cardiovascolare attraverso un esame genetico fatto prelevando un campione di DNA direttamente dal sangue La scoperta è stata coordinata dal genetista Giuseppe Novelli e dal Prof. Francesco Romeo, cardiologo presso l’Università di Roma Tor Vergata.
Durante i loro studi è stato scoperta la presenza di una una proteina, la loxina, la cui presenza si lega ad un minor rischio di malattie cardiovascolari, prime tra queste l’ aterosclerosi e infarto miocardico.

Dato che l’infarto sembra essere davvero qualcosa di imbattibile e misterioso, anche l’Oms si è preoccupata di segnalare 5 fattori che sono un avvertimento vero e proprio per quelle persone che tendono ad essere soggette.
Sono dei veri e propri segnali che il nostro corpo ci lancia molto tempo prima che l’infarto avvenga e per questo è bene prestarci attenzione perché i sintomi sono dei veri segnali d’avvertimento.
CONTINUA A LEGGERE E SCOPRI I 5 SINTOMI DA TENERE SOTTO CONTROLLO.

Infarto in corso

ECCO A COSA BISOGNA STARE ATTENTI:

1) Pressione forte e COSTANTE al torace. Proprio il fatto che essa persista è un campanello d’allarma evidente per il quale è conveniente contattare un medico.

2) Affaticamento e difficoltà nel respirare. Vi sentite spesso senza fiato e vi affaticate con poco? Fate molta attenzione. Soprattutto se siete in giovane età questo non è assolutamente un fatto normale. Evidentemente c’è qualcosa che non va e per questo non dovete trascurare nulla soprattutto se avete più di un sintomo che combacia con questa tipologia di malore.

3) Sudare freddo e Vertigini. Questi sono i primi due segnali che il cervello ci invia quando non stiamo bene e sta per succedere qualcosa. Come abbiamo detto, tali sintomi possono comparire anche molto tempo prima.
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook




4) Sintomi influenzali. In molti casi è capitato che dei pazienti abbiano avuto malesseri “stagionali” come raffreddore o febbre lieve. Ebbene, se tali sintomi si presentano assieme ad un o più sintomi di quelli gia accennati… Recatevi dal medico il prima possibile.

5) Dolori al braccio sinistro. Vi tira il braccio da qualche giorno e lo sentite pesante? Fate fatica a muoverlo e vi crea dolore acuto a tratti? Non sottovalutate nulla e mettetevi in contatto con un medico. Se ne siete in possesso misuratevi la pressione sanguigna per controllare se avete uno sbalzo improvviso.

La salute è la cosa più importante è da essa dipende il nostro benessere. Dobbiamo averne cura e preservarla da ogni male…

Copyrighted.com Registered & Protected VUTP-DOVS-OLSC-KU8Z

Sintomi dalla A alla Z
Cosa si nasconde dietro i segnali del nostro corpo
€ 19.9

Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.
(Visitato 103.186 volte, 1 visite oggi)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
loading...
loading...

Aggiungi un commento con il tuo profilo Facebook,Google+ o anonimo

Loading Facebook Comments ...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *