47 milioni di persone soffrono della Sindrome di Raeven. Ma cos’è e come riconoscerla su di se?

sindrome di raeven

Oltre il 25%della popolazione adulta Italiana ne soffre e spesso non a neppure cos’è!Ecco come riconoscere la sindrome di Raeven che colpisce il metabolismo

La sindrome di Raeven è comunemente nota come “sindrome metabolica”. Tuttavia ci sono vari termini che indicano questa malattia:

  • Sindrome da insulino–resistenza
  • Sindrome Dismetabolica
  • Sindrome X
  • CHAOS
  • Girovita da Ipertrigliceridemici

La sindrome metabolica non si riferisce ad una sola patologia, bensì su tratta una situazione clinica grave nella quale ci sono diversi fattori fra loro correlati i quali concorrono ad aumentare la possibilità di sviluppare patologie serie che comportano complicazioni al corretto funzionamento dell’apparato circolatorio, determinando patologie cardiache, ictus e diabete.

Questa condizione fa si che si generino delle anomalie metaboliche come: obesità a livello addominale, resistenza all’insulina, ipertensione arteriosa e disfunzione endoteliale.
Stando a quanto contenuto nel report dal report del National Cholesterol Education Program o NCEP, la sindrome di Raeven non va sottovalutata soprattutto perché può scatenare problemi molto seri a livelli cardiovascolare andando a influire sull’insorgenza di patologie ateriosclerotiche. 

Questa disfunzione metabolica è destinata a diventare un problema sempre più dilagante, Basti pensare che sono negli Stati unito, oltre 47 Milioni di persone soffrono di questa patologia. Quindi oltre il 35%di over trentacinquenni.
Numeri altissimi che, anno dopo anno, vengono corrette per eccesso.

QUALI SONO I FATTORI CHE CAUSANO L’ INSORGENZA DELLA SINDROME DI RAEVEN E COME RICONOSCERLA?
In alcuni casi la mattia è silenziosa e non sembrano esserci segnali d’allarme, tuttavia se riscontrate con i vostri occhi piu’ di una di queste patologie allora forse è un campanello d’allarme:

  • Eccessivo di grasso corporeo  a livello addominale ed in corrispondenza del girovita (circonferenza vita > 102 cm per l’uomo e > 88 cm per la donna)
  • Resistenza all’insulina, quindi diabete alto (oltre i 110)
  • Ipertensione Artetiosa ( l’ideale sarebbe 120/80 o 130/80)
  •  Colesterolo Hdl ( < 40 mg/dl (uomo) e 50 mg/dl (donna)
  • Disfunzione erettile
  • Alti valori di trigliceridi (> 150 mg/dl)

Insomma, più alto è il numero di patologia di cui si soffre, maggiore è la probabilità di sviluppare la sindrome metabolica.

rischio

Un ruolo molto importante nel contrarre questa disfunzione è data anche da:

  1. FATTORI GENETICI
  2. OBESITA’ in famiglia
  3. ETA’ (sono maggiormente il 25% della popolazione nel nostro territorio, con percentuali crescenti nelle fasce di età anziana)
  4. ETNIA ( gli ispanici e gli asiatici sembrano essere maggiormente a rischio)

Alla luce di tutto questo è buona cosa mantenere uno stile di vita sano e regolare. Mangiare cibi salutari evitando quelli troppo elaborati e grassi. Importantissima è l’attività fisica; se è possibile è bene praticarla giornalmente facendo passeggiate con ritmo medio per almeno 30 minuti.
Bere pochi alcolici e bevande eccessivamente zuccherate, eliminare il fumo e perdere i chili in eccesso qual’ora siano presenti.
Se avere un regime alimentare corretto non basta, è opportuno integrare la terapia con medicinali appositi, ovviamente da prendere dopo una visita ambulatoriale presso un medico.

Copyrighted.com Registered & Protected 9WLN-XDWM-ZUMV-CIGU

Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.
(Visitato 1.574 volte, 1 visite oggi)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
loading...
loading...

Aggiungi un commento con il tuo profilo Facebook,Google+ o anonimo

Loading Facebook Comments ...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *